Libano: gli accordi di Doha, controversi ma utili alla causa

«Abbiamo dimostrato che la storica formula libanese né vincitori né vinti è l’unica che possa condurre in porto sicuro», con queste parole il segretario generale della Lega araba Amr Moussa ha commentato l’intesa raggiunta per la condivisione del potere tra i contendenti politici libanesi. I rappresentanti di Saad Hariri, leader dell’alleanza sunnita, di Walid Jumblatt, storico capo della componente drusa, … Continua a leggere

Sunniti e sciiti, l’Islam che combatte se stesso

Quella in cui viviamo è un’epoca di globalizzazione, ma anche di ricerca e affermazione delle identità. La repentina riduzione degli spazi e la maggiore facilità nelle comunicazioni ha contribuito a mescolare razze, culture e religioni, intaccando progressivamente le derive autarchiche di ogni credo o ideologia. Eppure, di converso, stiamo assistendo ad un rafforzamento di alcuni pensieri forti. Questa è la … Continua a leggere

Palestina: crisi umanitaria e politica a Gaza

Alla fine è successo: la crisi istituzionale, politica e militare in corso a Gaza si è trasformata dolorosamente in un dramma umanitario dalle proporzioni ancora indecifrabili. Il containment israeliano alla Striscia è degenerato negli ultimi giorni in una morsa che ha colpito indiscriminatamente la popolazione civile e una sparuta minoranza di i militanti terroristi. La chiusura ermetica degli accessi al … Continua a leggere

L’ Iran nel mirino di Bush

L’ Iran è ormai nel mirino di Bush. Nessuna decisione finale è stata presa alla Casa Bianca, ma il cerchio intorno a Teheran si sta stringendo. I piani d’attacco contro i siti nucleari, ma anche contro le infrastrutture militari (e non solo) del paese sono pronti e vengono continuamente aggiornati. Se il presidente darà luce verde, aerei, navi e missili … Continua a leggere

Siria: tra aperture ed accuse il difficile cammino di Damasco

Giorni tesi a Damasco. L’ esecutivo del giovane Assad, che nel mese di aprile ha visto la propria maggioranza confermata dagli elettori in una consultazione trasparente ma poco pluralista, è stretto tra le timide aperture di parte della comunità internazionale e le accuse sempre più frequenti che gli vengono rivolte dai governi di mezzo mondo, in maniera più o meno … Continua a leggere

Al Qaeda al mercato del nucleare

È probabile che nel ventunesimo secolo non saranno più i governi a gestire le armi nucleari o la tecnologia per fabbricarle. E non saranno più gli Stati a usarle. La più pericolosa minaccia dei nostri tempi non viene dai paesi canaglia, bensì dai gruppi terroristici come la rete di al Qaeda, dichiaratasi pronta a impiegare il nucleare per scopi offensivi. … Continua a leggere